Il magazine Sabadvance sceglie Leon Cino come uomo del mese

Leon Cino
L’uomo di dicembre è il ballerino e coreografo Leon Cino. Nato a Tirana dove ha mosso i
primi passi nel mondo della danza, ha frequentato l’Accademia Nazionale di Danza, per
arrivare come ospite al Festival della Penisola Balcanica e in diverse trasmissioni televisive
e teatri albanesi.
Arrivato in Italia nel ’97, ha frequentato la scuola di danza del Teatro Carcano a Milano con
tecnica Vaganova Classica, tecnica contemporanea cunningham, Modern Jazz, sbarra terra.
Nel 2001 ha conseguito il diploma di Scuola di ballo al Teatro La Scala, ha vinto il premio
Danza&Danza come miglior giovane promessa in Europa e successivamente si è trasferito
negli Stati Uniti dove è entrato a far parte del Tulsa Ballet per passare, all’inizio della
stagione successiva, al Pacific Northwest Ballet.
Nel 2003, al rientro in Italia arriva al grande pubblico italiano grazie alla vittoria del
programma televisivo “Amici” di Maria De Filippi.


SONO PASSATI VENT’ANNI DALLA VITTORIA DI AMICI. COSA RICORDA DI QUESTA
ESPERIENZA, CHE LE HA PORTATO TANTA NOTORIETA’?


Ne ho un inevitabile bellissimo ricordo, quello di un percorso condiviso con persone e
personaggi che mi hanno aiutato nella crescita sia umana, che artistica.


IN CHE RAPPORTI È RIMASTO CON I PROTAGONISTI E LA PRODUZIONE DEL
PROGRAMMA?


Certi legami rimarranno indissolubili, devo molto a Maria, al suo programma e ai tanti
professionisti che mi hanno supportato. Ancora oggi vengo convocato in qualità di maestro e
quando questo avviene, è sempre una festa ritrovarsi in quei corridoi.


DOPO ‘AMICI’ IN QUALI SPETTACOLI E PROGRAMMI HA LAVORATO?


Per molti anni sono stato professionista della stessa trasmissione, poi ho continuato il mio
percorso televisivo, teatrale e cinematografico. Ho cercato di spaziare e di mettermi in gioco,
sempre, come faccio ancora e con molto entusiasmo!


NELLA SUA CARRIERA QUANTI E QUALI PREMI HA VINTO?


Ho ottenuto tre prestigiose borse di studio: Teatro alla Scala Foundation USA (1998-99) e la
ROTARY Club Leonardo da Vinci (1999-2000 e 2000-2001)
Nel 2001, subito dopo il diploma, ho vinto il premio Danza&Danza come miglior giovane
promessa in Europa e vinto la terza edizione del programma televisivo “Amici” condotto da
Maria De Filippi, nel 2003. Nel 2004 ho ricevuto il Premio Internazionale “Gino Tani” per le
arti dello spettacolo e successivamente e sono stato protagonista del musical Footlose,
presente per due stagioni sui palcoscenici delle maggiori città italiane, vincitore del “Biglietto
d’oro.


QUALE TIPO DI DANZA E QUALI SONO I RUOLI CHE PREFERISCE?


Non ci può essere una vera e propria preferenza perché se ami la danza e diventa non solo
ragione di vita ma anche la tua professione, sai che qualunque sia il ruolo o il genere,
compatibile ovviamente con il proprio percorso artistico, affronterai sempre tutto con
sorpresa e grande determinazione.


QUALCHE ANNO FA HA APERTO UNA SCUOLA DI DANZA. DOVE SI TROVA E A CHI È
CONSIGLIATA?


La danza come ogni altro tipo di allenamento e pratica sportiva, è consigliata a chiunque, in
alcuni contesti gli esercizi alla sbarra per quanto riguarda la danza classica, vengono
eseguiti durante un’eventuale riabilitazione, quindi parliamo di qualcosa che fa bene alla
salute all’organismo e ne giova anche la mente.
Ad oggi la mia scuola si trova a Cagliari.


QUALI SONO I SUOI IMPEGNI ATTUALI E I PROGRAMMI FUTURI?
Oltre alle lezioni che seguo nella mia scuola Leon Cino D.A.S. di Cagliari, sono spesso in
giro per l’Italia, non solo per le Masterclass o gli stage o altri tipi di eventi insieme alla mia
immancabile manager! È un continuo evolversi di situazioni che portano sempre a qualcosa
di nuovo e sorprendente.

UN SUO CONSIGLIO A CHI VUOLE INIZIARE UN PERCORSO NELLA DANZA?

Beh….domanda preziosa! Se vuoi iniziare basta iscriversi!